La pizza!

Cornicione alto e croccante!

Finalmente dopo mesi sono riuscita a creare la ricetta della pizza che volevo! Adoro la pizza col cornicione alto e croccante, ma non riuscivo ad azzeccare le dosi e la cottura sino a Martedì, quando ho sfornato questo piccolo gioiello e me lo sono divorata senza ritegno. Sottile al centro, croccante e con un cornicione leggero bello alveolato, un sogno! Sicuramente questa sarà una delle pizze che farò più spesso soprattutto per la pigrizia. Ormai avrete capito che l’ingrediente onnipresente o quasi nelle mie ricette è la pigrizia, in questo caso credo di essermi superata: impastiamo col cucchiaio e lasciamo a riposo per 36h, lasciando che avvenga la magia e prendendomi tutto il merito. E’ perfetta da tenere a riposo in frigo, tirandola fuori per l’occorrenza. Io ho usato la mia amata pietra per cuocerla, se non l’avete usate la teglia e posizionatela nella parte poco più alta della metà del forno. Vi consiglio di acquistare una pietra da forno, costa poco (la mia l’ho pagata 10€) e da tante soddisfazioni! Io l’ho usata anche per preparare la flammkuchen (la “pizza” tedesca) ed i crackers.

Ingredienti:

Per due pizze da 24 cm circa

  • 250 gr di farina 00;
  • 1 grammo di lievito di birra fresco o 2 gr di quello secco;
  • 2 gr di zucchero;
  • 5 gr di sale;
  • 180 gr di acqua.

Condimenti:

  • 4 cucchiai di passata di pomodoro;
  • 1/2 zucchina (io l’ho fatta a spaghetti);
  • 1/2 cipolla bianca stufata (in padella, 20 minuti, bagnata con poca acqua e cotta a fuoco dolce);
  • 6 funghi cremini;
  • 1 mozzarella.

Utensili:

  • Ciotola;
  • Cucchiaio o forchetta;
  • Contenitore ermetico;
  • Pietra da forno (o teglia).

Preparazione:

Sciogliamo il lievito in 170 gr d’acqua e setacciamo la farina nella ciotola, aggiungiamo sale e zucchero e quindi versiamo l’acqua. Io ammetto che per la mia ho usato il totale pesato, ma come vi dico sempre, potrebbero esserci variazioni in base all’assorbenza della farina.

Pizza 36h

Mescoliamo il tutto sino ad ottenere un composto legato ed appiccicoso.

Pizza 36h

Oliamo il nostro contenitore e trasferiamo l’impasto, lasciamo a temperatura ambiente per un’ora prima di riporre in frigo.

Pizza 36h

Io ho impastato il pomeriggio di Domenica ed ho tirato fuori dal frigo Martedì intorno alle 10 di mattina.

Pizza 36h

Trasferiamo sul piano leggermente infarinato e formiamo le nostre pizze (io ne ho fatto una sola, era un esperimento, se ne fate due con le dosi riportate, dividete l’impasto a metà prima di formare le pagnotte).

Pizza 36h

Lasciamo riposare mentre scaldiamo la pietra. Sistemiamola in forno spento ed accendiamo con funzione statica al massimo della temperatura (credo nel mio sia sui 230°). Scaldiamo per circa 30 minuti, operiamo allo stesso modo con la teglia.

Appiattiamo l’impasto con le dita, lasciando il cornicione e tiriamo la pizza usando le nocche, passandola da una mano all’altra in modo che si allunghi naturalmente. Possiamo anche stenderla sul piano, applicando una pressione con la punta delle dita.

Sistemiamo sulla carta forno che andremo a ritagliare intorno.

Pizza 36h

Condiamo a piacere: io ho messo due cucchiai di pelati schiacciati, le zucchine a spaghetti ed ho coperto con striscioline di mozzarella (ne ho aggiunto alcune anche a metà cottura perché mi piace che si senta, potete aggiungerla direttamente a metà cottura se preferite), i funghi ed i pomodori secchi tagliati grossolanamente.

Pizza 36h

In forno! Mi raccomando il trasferimento deve essere veloce, in modo tale da non disperdere calore. Modifichiamo la modalità del forno così che scaldi solo sopra (o se preferite usate il grill, il mio non lo ha quindi non so se convenga abbassare la temperatura in quel caso). 10 minuti dopo tirerete fuori qualcosa del genere!

Pizza 36h Pizza 36h Pizza 36h

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Indice

Indice