La crostata per la mia mamma!

Quando una è mammona e non lo nasconde!

Questa ricetta mi ronzava in testa da un po’, precisamente dalla volta in cui in giro per il paese a far commissioni con mamma, ci fermammo al volo in una pasticceria e prendemmo due tartellette alla frutta: eravamo in estasi. La frolla burrosa, la crema al limone e per me pistacchi e frutti di bosco (alla mamma non piacciono i pistacchi) e per lei mandorle e frutta. Ne abbiamo parlato per giorni! Era un mignon che ci ha rapito il cuore. Le cose fatte bene richiedono tempo e per caso qualche giorno fa parlando con lei le ho detto che avevo in programma una crostata senza uova perché non ne avevo in casa ed in quei giorni c’era una tempesta ogni giorno, vento e pioggia a catinelle, quindi non avevo intenzione di uscire per procurarle. Il problema era la crema: nella ricetta originale era all’arancia! E mamma mi dice “sarebbe buonissima al limone”. La mamma è sempre la mamma, quindi approfittando di uno spiraglio di quiete mi son fiondata al supermercato ed eccoli, piccoli limoni bio, uno degli ultimi sacchetti! Mi sono ovviamente dimenticata le uova, ma avevo la cosa che volevo quindi ero soddisfatta. Aggiungi lamponi e mirtilli in super sconto e ho accolto quanto l’universo aveva da dirmi ed una volta a casa ho provato ad infondere questa crostata con le sensazioni di quella mattinata soleggiata in paese, a mangiare una tartelletta ed a riempire la macchina di briciole mentre si parlava di cosa c’era da fare a pranzo e delle commissioni. Quando l’ho assaggiata mancava solo la mamma, ma tanto la rifacciamo quando andrò a trovarla, chissà che non mi perfezioni la ricetta nel frattempo! Ultima nota: la teglia me l’ha regalata lei, ne comprò due perché lo sa che quando compra suppellettili per se deve contare anche me, non potevo non usarla per questa ricetta.

Ingredienti:

Per una teglia da 22 cm o rettangolare 35×13 – col fondo removibile.

  • 200 gr di farina 00;
  • 150 gr di burro freddo;
  • 45 gr di zucchero a velo;
  • Scorza di limone.

Per la crema:

  • 200 ml di panna da montare (io ho usato quella vegetale);
  • 80 gr di zucchero;
  • 150 ml di succo di limone;
  • 20 gr di amido di mais o fecola di patate (io ho usato l’amido)
  • Curcuma per colorare la crema (facoltativa, io ne ho usato un cucchiaino ma ne basta meno);
  • Frutta fresca e granella per decorare.

Utensili:

  • Robot da cucina (o ciotola e forchetta);
  • Carta forno;
  • Legumi secchi o pallette di ceramica;
  • Pentolino antiaderente;
  • Frusta da cucina;
  • Cucchiaio di legno.

Crostata mamma

Preparazione:

Come ormai saprete io ho il problema delle mani roventi. Per fare questa crostata le ho dovute mettere a mollo in acqua e ghiaccio per poter sistemare la frolla nella teglia e l’ho dovuto fare in tre tempi, perché mi si squagliava in mano! C’è da dire che ci son andata pesante col burro, ma quando ci vuole ci vuole! Usate un burro di qualità e lavorate rapidamente, io ho usato il robot da cucina per comodità, ma potete usare anche una ciotola e lavorare il tutto con una forchetta, l’unica cosa in questo caso: tagliate il burro a tocchetti e lavorate con la forchetta per incorporarlo alla farina, così da creare delle briciole.

Crostata mamma

Azioniamo il robot ad intervalli per non surriscaldare l’impasto, quindi diamo una botta di 20 secondi così che si formi la palla.

Crostata mamma

Facciamo la palla e lasciamo riposare in frigo per una ventina di minuti se necessario. Io ho coperto il fondo della teglia con carta forno ed imburrato leggermente i lati, per sicurezza. Stendiamo la frolla ad uno spessore di poco meno di mezzo centimetro (e nel mio caso, di nuovo in frigo).

Crostata mamma

Potete ammirare i segni delle dita che ho lasciato quando l’ho sistemata nella teglia!

Tagliamo un rettangolo di carta forno utile a coprire la parte centrale della frolla, sistemiamo i fagioli ed inforniamo in forno caldo statico a 190° per 20 minuti.

Crostata mamma

Togliamo i fagioli e la carta e rimettiamo in forno sino a doratura, nel mio caso altri 20 minuti.

Sforniamo e lasciamo raffreddare completamente prima di sformare. Non toccatela quando è calda, rischiate che si rompa.

Mentre il guscio raffredda ci occupiamo della crema: in un pentolino raduniamo amido e zucchero, lavoriamo con la frusta per eliminare i grumi. Aggiungiamo panna e limone ed accendiamo la fiamma moderata, rimestando continuamente con il cucchiaio di legno, sino ad ottenere una crema densa. Facciamo raffreddare in una ciotola, coprendola con della pellicola a contatto con la crema così che non si formi la pellicina.

Crostata mamma

Per assemblare la crostata farciamo il guscio con la nostra crema e decoriamo a piacere! Facciamo riposare in frigo per almeno 4 ore prima di assaltarla! Io l’ho fatta la sera prima e l’ho assaggiata a colazione.. e per l’ora di cena era finita. Ho dovuto raddoppiare le serie di addominali ma ne è valsa la pena!

Crostata mamma Crostata mamma Crostata mamma

 

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Indice

Indice